Rio Lagartos ed Ek Balam: tra natura e storia

Un sensazionale incontro tra natura e storia: Rio Lagortos e la sua straordinaria riserva naturale a confronto con il particolarissimo sito Maya di Ek Balam.


img_5207.jpg

Rio Lagartos è un piccolo villaggio di pescatori nella penisola dello Yucatan immerso in una riserva naturale  popolata da aironi,pellicani, alligatori, cormorani e centinaia di fenicotteri rosa.

img_4962.jpg

Siamo partiti a bordo di motoscafi  per un “River Safari” incontrando tantissimi animali tra cui famelici alligatori!!IMG_4952 IMG_4940

Il momento più bello è stato la ricerca di una colonia di fenicotteri:  si spostano frequentemente perciò abbiamo dovuto “rincorrerli “ad una velocità pazzesca (portatevi una giacchetto) per poi rimanere immobili ed in silenzio ad osservarli.

img_5031.jpg

Subito dopo ci siamo immersi (io no, ero ancora congelata) in una piccola salina dove potevi galleggiare senza fare sforzi.

img_49421.jpg

IMGP0047Per completare il pacchetto benessere ci siamo spalmati pure dei fanghi naturali, il momento più divertente in assoluto!! 😀 Meno divertente è stato risciacquarli: dopo averli fatti seccare risalendo in barca, la guida ci ha fatto scendereIMGP0038 in una piccola laguna (pochi metri più in là avevamo avvistato un alligatore) per lavarci ma tra acqua freddissima, vento gelido e paura che tornasse l’alligatore, si è persa un po’ la magia della giornata.

Congelati abbiamo raggiunto il ristorante ma avrei preferito fermarmi di più questa splendida riserva!!

Pranzo  eccellente a base di Cernia in tutte le “salse” e partenza in pullman per Ek Balam,un sito archeologico immerso nella giungla.

Il punto di forza del Messico rispetto all’Italia, è l’organizzazione. Rimango sempre senza parole nel vedere come sono ordinati, puliti e rispettati i luoghi di interesse nel resto del mondo e soprattutto come il turista è “sacro” !! In Italia abbiamo ancora molta strada da fare…

img_5230.jpg

Nel pavimento della biglietteria di Ek Balam c’è un bellissimo calendario Maya dove, non sapendolo, ho fotografato proprio il simbolo del mio mese e quello del mio fidanzato!           (Magico influsso Maya 😉 ! )IMG_5215

Subito ci accorgiamo di come è diverso questo sito da Chichén Itzá , è molto meno curato ma non è un fattore negativo anzi, sembra quasi di essere tornati indietro nel tempo a quando questa città era in pieno fermento.

Ek Balam è meno conosciuta ma è un vero gioiello, la sua acropoli è maestosa : 162 metri di lunghezza e 32 metri di altezza.img_5243.jpg

IMG_5246

A differenza di Chichén Itzá  si può salire fino alla cima e lo spettacolo dall’alto è una meraviglia, non vedi altro che giungla e l’orizzonte sembra arrotondarsi.

Ek Balam significa “giaguaro nero” e una porta a forma di giaguaro è posta nell’edificio a metà della scalinata.

img_5274.jpg

Oltre a questa vi sono altre porte da dove il sacerdote, sotto effetto di allucinogeni, prevedeva il futuro apparendo e scomparendo da una porta all’altra, un piccolo trucchetto che lo faceva sembrare un più simile agli dei che agli uomini.

Dopo Ek Balam è il momento di visitare una piccola comunità Maya che vive ancora in piccole case e dorme…sull’amaca!! Qui assaggiamo una vera cioccolata calda tutta naturale (è decisamente più buona la nostra) e osserviamo le donne preparare ottime tortillas.IMG_4585IMG_5314

Uscendo dalla capanna vengo incuriosita da uno strano altare con una foto…chiedo alla guida e lei mi spiega che nel giorno dei morti in Messico si fa festa e quest’altare (ofrendas) , fatto per ricordare il defunto, deve rappresentare tutte le sue attività terrene preferite perciò possiamo trovarvi sigarette, cibo e quant’altro di più caro al defunto.

Secondo la tradizione popolare, ogni anno nel giorno dei morti, i defunti tornano dall’oltretomba per riabbracciare amici e parenti, gustare qualche manicaretto terreno e far bisboccia insieme ai vivi.

Anche al villaggio si festeggiano i morti infatti ci aspetta una rappresentazione teatrale con scheletri sui trampoli,danze,musica e tante decorazioni con i teschi durante la cena.

IMG_4855 IMG_4626

Ecco che si conclude un’altra meravigliosa e divertente giornata nello splendido Messico!

Silvia ♥

TAPPA PRECEDENTE: CHICHEN ITZA’

PROSSIMA TAPPA: ISLA CONTOY Y MUJERES

BEST 10 YUCATAN

Annunci

One thought on “Rio Lagartos ed Ek Balam: tra natura e storia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...